20/10/2012 Il Natale 2012 sarà più dolce con Riso Flora Dal Nord, Centro e Sud Italia. 3 torte tipiche regionali a base di riso

Il Natale 2012 sarà più dolce con Riso Flora

Dal Nord, Centro e Sud Italia

3 torte tipiche regionali a base di riso,

da portare in tavola durante le feste natalizie

per deliziare tutta la famiglia.

 

Ideale per la realizzazione delle tre ricette è il Riso Flora Timballi&Arancini – varietà originario –: i suoi grani piccoli e tondi, dall’aspetto perlaceo, e la sua eccezionale capacità di assorbimento ne fanno l’ingrediente segreto della perfetta riuscita.

Riso Flora seleziona con cura le sue varietà di riso, 100% italiane, dalle migliori risaie, per rendere unica e squisita ogni preparazione; i numerosi e rigidi controlli effettuati in ogni fase del processo produttivo contribuiscono ad assicurare chicchi integri ed una cottura compatta.

 

 

RICETTE

Torta Bolognese.JPGTORTA DI RISO DEGLI ADDOBBI BOLOGNESE

per 6 persone – preparazione 1 ora e 30 minuti

 

300g di Riso Flora Timballi&Arancini

1l di latte

100 g di zucchero caramellato

150 g di zucchero vanigliato

4 tuorli d’uovo

2 uova intere

250g di mandorle

100g di cedro candito

1 bicchierino di liquore di mandorle amare

buccia grattata di 1 limone

4-6 amaretti

1 pizzico di sale, cannella, chiodi di garofano

 

Far bollire il latte, dopodiché aggiungere il riso, la scorza grattugiata di limone, il pizzico di sale e lo zucchero vanigliato. Lasciare cuocere il riso, facendo assorbire quasi completamente il latte (raffreddandosi, finirà per assorbirlo totalmente). Nel frattempo, sbattere le uova con lo zucchero caramellato (si può montare a neve l’albume a parte), incorporare le mandorle tritate, il cedro candito tagliato a cubetti e gli amaretti frantumati finemente; amalgamare il tutto con il liquore di mandorle amare. Mettere in uno stampo imburrato e spolverato con pangrattato (l’impasto deve essere alto circa 3-4 cm): cuocere in forno scaldato a 180° per 20 minuti, poi abbassare a 150° e cuocere per altri 40-45 minuti.

Quando si sarà formata una crosticina bionda e croccante togliere dal forno, lasciare intiepidire e bagnare con il liquore dopo aver fatto dei forellini con uno stecchino. Togliere dalla teglia, tagliare (la versione classica prevede che sia tagliata rigorosamente a losanghe) e servire.

 

 

TORTA DI RISO TOSCANA

per 6 persone – preparazione 2 ore e 30 minuti


Torta Toscana.jpg200g di Riso Flora Timballi&Arancini

1l e ½ di latte intero

13 uova

400g di zucchero

buccia grattata di 1 limone

1 bicchierino di sambuca

1 pizzico di sale

zucchero a velo

burro e farina per la tortiera

 

Scaldare il latte con 1 cucchiaio di zucchero e il pizzico di sale; poco prima che prenda il bollore aggiungere il riso e far cuocere; spegnere e lasciare intiepidire. Sbattere bene le uova con il restante zucchero; aggiungere la buccia di limone, il liquore, il latte con il riso. Versare il composto ottenuto in uno stampo leggermente infarinato e imburrato; cospargere di zucchero e infornare a 190° per c.a. 2 ore (sarà pronta quando sulla superficie si sarà formata una crosticina). Servire tiepida o fredda con una generosa spolverata di zucchero a velo.

 

 

CRESPELLE DI RISO CATANESI

per 6 persone – preparazione 3 ore

 

Crespelle.jpg500g di Riso Flora Timballi&Arancini

1l e ½  di latte

500g di acqua

500g di farina

1 cubetto di lievito di birra

buccia grattugiata di 1 limone e di 1 arancia

zucchero semolato

olio extravergine di oliva

miele di zagara

sale

 

Fare bollire il riso con un litro di latte e l’acqua leggermente salata, fino a che tutto il liquido sarà assorbito; lasciare raffreddare bene, in modo che il composto risulti cremoso. Sciogliere il cubetto di lievito in poco latte tiepido e aggiungere al riso; unire anche la farina, le scorze di arancia e di limone grattugiate, quindi amalgamare con le mani (l’impasto deve risultare appiccicoso e duro) per almeno 20 minuti. Fare lievitare in luogo tiepido, coperto con un canovaccio, per un’ora scarsa; dopodiché lavorare nuovamente e far lievitare un’altra ora abbondante (dopo la seconda lievitazione l’impasto sarà un poco più morbido, ma sempre molto appiccicoso).

A questo punto, per dare alle crespelle la tradizionale forma allungata, procedere in questo modo (altrimenti si potranno creare con l’impasto tante piccole palline da friggere nell’olio bollente): su di un piccolo tagliere unto d’olio, mettere una parte dell’impasto e con un coltello, anch’esso unto d’olio, modellarlo, in modo da ottenere un rettangolo; ponendo il tagliere sulla padella da frittura, staccare con il coltello una fettina di impasto, facendola rotolare delicatamente con la lama sul legno, così da formare un cilindro da far cadere nell’olio bollente; lasciare cuocere fino a che risulterà dorato.  

Una volta terminata la frittura fare uno sciroppo sciogliendo lo zucchero con qualche cucchiaio di acqua e le scorzette di arancia finissime; lasciare bollire due minuti, quindi aggiungere il miele; quando il liquido sarà ben sciolto ed amalgamato, versate sulle crespelle e servire.



[Credit Foto Crespelle di Riso Catanesi: Alessandra F. Blog Croce-delizia. Fonte Flickr]

 

Colussi Group riunisce alcuni dei marchi più importanti della storia e della cultura alimentare italiana(Colussi, Misura, Agnesi, Flora e Sapori di Siena 1832). I marchi di Colussi Group compongono una selezione di eccellenze che rispondono al desiderio di ritrovare nei cibi i sapori della tradizione italiana. Ogni marchio del Gruppo esprime i valori racchiusi nel DNA Colussi: la grande tradizione alimentare italiana; la qualità come stella polare, l’innovazione come ricerca, sviluppo e dinamismo, l’integrità nell’agire, il rispetto verso i consumatori, i clienti e i collaboratori.

 

Ufficio Stampa – Eidos

Eugenia Montanaro – emontanaro@eidos.net – Tel: +39.02.8900870 Cell: +39.3939113155

20/10/2012 Il Natale 2012 sarà più dolce con Riso Flora Dal Nord, Centro e Sud Italia. 3 torte tipiche regionali a base di risoultima modifica: 2012-10-20T09:31:47+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento